Betting Exchange: cos’è e come funziona?

1 pessimo2 insufficiente3 sufficiente4 buono5 ottimo (1 voti, media: 5,00 su 5)

Guida Betting Exchange : impara come puntare e vincere

Il Betting Exchange, conosciuto nel vecchio stivale anche come “Punta e banca”, è da diverso tempo il sistema di scommesse più diffuso nei paesi anglosassoni.
 
Esordisce in Inghilterra nel 2000, per mano di Betfair che oltre ad inventare questa nuova tipologia di gioco, ne cura il lancio mantenendo incontrastata la leadership di questo mercato nel corso degli anni. In Italia possiamo usufruirne a partire da Aprile 2014.
 
Attualmente, per quanto riguarda il mercato italiano, sono solamente due i bookmaker grazie ai quali è possibile operare con il Betting Exchange : ovviamente il fondatore del gioco, ovvero Betfair, che grazie alla sezione Betfair Exchange è il punto di riferimento di tutto il settore. In alternativa possiamo anche puntare e bancare sul bookmaker Betflag, che piano piano si sta ritagliando anch’esso il proprio spazio.
 

I vantaggi dell’exchange sono sia per i giocatori che per gli stessi bookmaker. Il giocatore infatti si troverà a scommettere con quote decisamente più interessanti rispetto a quelle finora proposte dal mercato, mentre i bookmaker, dal canto loro, non dovranno più rischiare capitale garantendo per le scommesse effettuate dagli stessi giocatori.

>>> Clicca sul link per leggere il nostro approfondimento sui vantaggi del Betting Exchange.

Grazie a queste scommesse e dopo aver acquisito un livello minimo di confidenza con il funzionamento, sono ormai numerosi gli scommettitori che riescono ad ottenere un discreto successo e a togliersi parecchie soddisfazioni.
 

Come funziona il Betting Exchange ?

Il funzionamento del Betting Exchange è molto semplice!
 
Il mercato italiano delle scommesse funziona oggi come nel resto del mondo fino alla rivoluzione introdotta da Betfair: il bookmaker offre delle quote e il giocatore decide di scommettere su un determinato risultato o su di una serie di risultati. In caso di vittoria il bookmaker è tenuto a pagare quanto promesso!
 
Con il Betting Exchange, il giocatore può decidere se occupare il ruolo dello scommettitore o se quello del bookmaker, avendo ora anche la possibilità di offrire lui stesso delle quote sulle quali altri giocatori potranno puntare. Sarà quindi il giocatore che ha “bancato” l’evento a pagare lo scommettitore in caso di vincita e il bookmaker occuperà il ruolo di intermediario che offre la sua tecnologia (software, sito internet, transazioni finanziarie,ecc…) per permettere l’incontro tra domanda e offerta.
 

Le fasi cruciali sono quindi 3 :
Puntare una scommessa;
Bancare una scommessa;
Abbinamento delle scommesse.

Ecco quindi da cosa deriva il termine Betting Exchange, da uno “scambio di scommesse” che avviene direttamente tra gli utenti e dove il bookmaker fa solamente da “controllore”. Il profitto del bookmaker sarà generato da una percentuale trattenuta da ogni transazione effettuata.

Dopo poco tempo dal suo avvento, gli appassionati italiani hanno coniato il termine “Punta e Banca”, quindi se ne sentirete parlare ora saprete a cosa si riferisce.

La principale difficoltà per il giocatore sta nel cambiare il proprio approccio mentale alle scommesse ed abituarsi a questa nuova metodologia. Una volta compiuto questo primo passo, comprendere i meccanismi del betting exchange sarà relativamente semplice.

>>> Clicca sul link per leggere il nostro approfondimento sulle differenze tra Betting Exchange e Sportsbook.

Categorie:Betting Exchange

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*